LEGGI E POLITICA

Incontro del 13 febbraio: Unatras scrive al governo un elenco dei problemi del settore

10 febbraio 2014
 
 

I tempi stringono e i problemi sono tanti. Così, visto che il protocollo siglato il 28 novembre prevedeva una verifica entro il 31 gennaio delle cose fatte e visto che questa verifica arriverà almeno con un paio di settimane di ritardo - l'incontro governo-associazioni è previsto per il 13 febbraio - ecco che Unatras cerca di stringere i tempi stilando un elenco dei principali problemi irrisolti e inviandolo a ministro Maurizio Lupi e al sottosegretario Rocco Girlanda., allo scopo - espresso chiaramente - di indurre l'esecutivo a presentarsi all'incontro più preparato e con soluzioni già in tasca. Ma vediamo questi problemI. 

Si parte con «la necessità impellente di fronteggiare l’uso distorto del cabotaggio stradale e del distacco transnazionale degli autisti e di tutte le problematiche connesse all’intermediazione, all’abusivismo e al lavoro nero». Poi si passa a ricordare l'intervento necessario sull’aumento, «ingiustificato quanto spropositato», dei pedaggi a partire dal primo gennaio. «Siamo ancora in attesa di conoscere - si scrive - come il ministero intenda applicare lo sconto annunciato del 20% e di una risposta da parte di Aiscat per l’incontro con le associazioni di rappresentanza». Quindi si chiedono interventi per una più congeniale rimodulazione del piano neve e del calendario dei divieti di circolazione, la continuità territoriale per i trasportatori delle isole, la rimozione delle criticità riconducibili al SISTRI.

Infine, rispetto ai tempi di pagamento sui quali si è già intervenuti con legge di stabilità,  si chiede di verificare l’effettivo contributo che le innovazioni introdotte apporteranno per far si che le imprese committenti paghino i servizi di vezione nei tempi previsti dalla vigente normativa. Per questo motivo vengono chiesti specifici monitoraggi e un'informazione immediata rispetto ai controlli

Insomma, tante cose, ma d'altra parte i problemi sono tanti e tanto tempo è passato inutilmente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home