UFFICIO TRAFFICO

Terzo giorno di sciopero alla SAE e prime piccole vittorie

19 febbraio 2014

Oggi terzo terzo giorno di sciopero dei lavoratori dipendenti della ditta di autotrasporto S.A.E di Trento in lotta per la difesa del posto di lavoro e contro la scelta aziendale di delocalizzare il trasposto merci su strada in Romania.

Ieri, di fronte a una crisi del settore ma che ha riflessi sull’intero territorio, i sindacati di base hanno ottenuto una prima piccola vittoria, quella di essere ricevuti dall'assessore allo Sviluppo Economico Alessandro Olivi, al quale hanno chiesto «di attivarsi per evitare che l'intero comparto della logistica e del trasporto su strada venga delocalizzato in paesi come la Romania, dove il costo del lavoro è più basso mentre diritti e normative sulla sicurezza non esistono».

In più hanno fatto conoscere le loro principali richieste che riguardano il ritiro di qualsiasi ipotesi di licenziamento, la definizione di un piano industriale aziendale che, fra le altre cose, comporti il rilancio dell'intermodalità in Trentino, oltre al rispetto del diritto del lavoratore di scegliere il proprio sindacato di fiducia.

Nel corso della giornata c’è stata una seconda vittoria, rappresentata dalla timida apertura da parte della direzione aziendale, che è stata disponibile a ricevere e a valutare le controproposte dei lavoratori per poter esprimere una posizione nei prossimi giorni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home