UFFICIO TRAFFICO

Da maggio prima autostrada del mare su Venezia

23 marzo 2014

Tra poco più di un mese, per la precisione ai primi di maggio, anche Venezia avrà la sua prima autostrada del mare. L’annuncio è stato dato da Paolo Costa, presidente dell'autorità portuale veneziana, confermando la sinergia con gli scali marittimi di Ravenna, Trieste, Capodistria e Fiume, perché – ha spigato – nessuno dei porti è in grado di salvarsi da solo.

Tra poco più di un mese, per la precisione ai primi di maggio, anche Venezia avrà la sua prima autostrada del mare. L’annuncio è stato dato da Paolo Costa, presidente dell'autorità portuale veneziana, confermando la sinergia con gli scali marittimi di Ravenna, Trieste, Capodistria e Fiume, perché – ha spigato – nessuno dei porti è in grado di salvarsi da solo.  

Il nuovo Terminal delle Autostrade del Mare, in funzione nel 2014 a Fusina, all’incrocio del canale industriale Sud e dell’ultimo tratto del canale Malamocco Marghera, avrà una propria piattaforma logistica collegata alla rete ferroviaria e potrà servire fino a 1200 traghetti. L’unico problema – ha spiegato Costa – riguarda quell collo di bottiglia troppo stretto costituito dallo snood ferroviario di Mestre.

La dotazione del nuovo terminal comprende 2 darsene con 4 banchine capaci di ospitare contemporaneamente 4 navi. Servirà il traffico rotabile, vale a dire i traghetti che trasportano i camion o i loro rimorchi (Ro-Ro) e i traghetti che possono portare anche auto e passeggeri.
Per la città di Venezia il nuovo terminal di Fusina avrà un vantaggio di traffico, in quanto la totalità delle navi traghetto che oggi passa per il Canale della Giudecca entrerà in laguna attraverso la bocca di porto di Malamocco, riducendo il traffico di 500 veicoli al giorno sul Ponte della Libertà e di 400 traghetti all’anno nel Canale della Giudecca.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home