UFFICIO TRAFFICO

Bruxelles stanzia 12 miliardi per ridisegnare le reti di trasporto europee

28 marzo 2014

Sulle infrastrutture di trasporto l’Europa entra in una nuova era allo scopo di «stringere» le distanze tra Est e Ovest e tra Nord e Sud. Che detto altrimenti significa colmare le lacune esistenti a livello stradale, rimuovere gli ostacoli che rendono difficoltoso il libero scambio e superare quegli ostacoli tecnici, come per esempio i diversi standard del trasporto ferroviario. Per fare tutto questo sono stati stanziati 26 miliardi e i primi 12 sono già oggi resi disponibili dalla Commissione. Ad annunciarlo è lo stesso vicepresidente Siim Kallas , commissario per la mobilità e i trasporti che si è detto convinto che «questa grande spinta finanziaria porterà i benefici attesi per migliorare i collegamenti di trasporto» .
Tra le priorità del programma figurano oltre all'eliminazione dei principali colli di bottiglia lungo i nove corridoi della rete TEN- T, il rafforzamento della multi-modalità e l’incentivazione di approcci telematici, come quelli finalizzati a mettere in comunicazione infrastrutture e veicoli.
Sulla base di questi e altri obiettivi di lavoro, è possibile presentare proposte e progetti che saranno pubblicati entro il 1 ° settembre 2014.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

VIDEO

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home