LOGISTICA

Porto di Trieste: attracca la Cma-Cgm Cendrillon ed è record

26 maggio 2014

Fino alla settimana scorsa il primato della nave portacontainer più grande che avesse mai risalito l'Adriatico apparteneva alla motonave “Agamemnon” che il 28 luglio dello scorso anno era stata ormeggiata al terminal container dello scalo del Porto di Trieste. Ora questo record è stato sorpassato, il testimone ora è passato alla “Cma-Cgm Cendrillon”, appartenente alla compagnia francese CMA-CGM, che ha attraccato al Molo VII sabato in tarda serata per ripartire il giorno dopo, una volta terminate le operazioni di movimentazione dei contenitori (circa 1800 Teu). Tornerà poi a Trieste fra sette giorni per ulteriori operazioni di export.
La Cma-Cgm Cendrillon, lunga 334 metri e larga 43, può trasportare fino a un massimo di 8500 contenitori ed è la prima di cinque navi di dimensioni simili che ne sostituiranno altre di minori dimensioni già utilizzate per i servizi CMA-CGM, in joint con Marsk Line. Si conferma così, per il terminal contenitori di Trieste, l'inizio di una nuova serie di arrivi, con meganavi che potranno essere “lavorate” grazie alle nuove infrastrutture del Molo VII e alle caratteristiche dello scalo.
Con il posizionamento e l'entrata a regime di due nuove gru recentemente sottoposte a upgrading, sfruttando i fondali da 18 metri e i nuovi servizi ferroviari messi a disposizione da TMT per il l'Europa centrorientale, infatti, Trieste diventa il porto più attrezzato dell'Adriatico, pronto ad accogliere gli annunciati sviluppi di traffico provenienti dal Far East e dal Middle East.
Il terminal triestino fornisce servizi di movimentazione, magazzinaggio e trasporto intermodale per i clienti del Nord Italia e del Centro-Est Europa, con branch office in Germania (Monaco di Baviera) e Ungheria (Budapest). Proprio grazie al pescaggio naturale lungo banchina più profondo del Mediterraneo (18 metri), nel corso degli ultimi anni TMT ha rivoluzionato la gestione del terminal container di Trieste, investendo fortemente in risorse umane (sono 168 i dipendenti diretti) e attrezzature, garantendo alle Compagnie di Navigazione l’operatività del terminal per 362 giorni l’anno, 24 ore su 24. Il terminal TMT, inoltre, si trova in uno dei Punti Franchi del Porto di Trieste, garantendo a merci e operatori condizioni speciali per le operazioni di sbarco/imbarco, sdoganamento, magazzinaggi e pagamento posticipato di Iva e dazi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home