LEGGI E POLITICA

IVA al 21%: veicoli e gasolio, aumenti in vista

8 settembre 2011

Il listino dei veicoli industriali e commerciali potrebbe subire un piccolo ritocco in alto. L’innalzamento dal 20 al 21% dell’Iva stabilito dalla manovra approvata in Senato (manca l'approvazione da parte della Camera, ma rispetto a questo punto diventa difficile tornare indietro) finirà per gonfiare il prezzo finale del mezzo, anche se, siccome gli acquirenti dei veicoli sono anche aziende, la componente Iva potrà essere detratta.
Stesso discorso per il gasolio, perché anche in questo caso l’aumento dell’Iva farà salire - da calcoli fatti - di 1,3 centesimi il prezzo finale alla pompa. Anche qui salva detrazione successiva.
Certo, è anche vero che dal momento in cui la nuova misura entrerà definitivamente in vigore, anche gli autotrasportatori potranno inserire un'IVA al 21% sulle loro fatture. Ma tutto sta a vedere l'equilibrio finanziario tra costi e ricavi. Nel senso che in ogni caso quando oggi si va dal concessionario o dal distributore si paga una quota maggiorata che soltanto domani sarà rimborsata. E in una situazione di scarsa liquidità anche questo potrebbe diventare un problema.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home