ACQUISTI

Niinivirta Transport: trasportare elettrico? Yes, we can!

11 giugno 2014

Da oggi nel centro di Milano presta servizio il primo autocarro medio-pesante completamente elettrico per rifornire i negozi di abbigliamento in ogni ora del giorno

Far convivere il rispetto dell'ambiente e delle regole con la necessità di mantenere riforniti i punti vendita nei centri storici cittadini è una delle maggiori sfide per società di servizi, produttori e costruttori, giunte provinciali, assessorati a mobilità e infrastrutture.
Qualcosa in questo senso si sta muovendo: una migliore aerodinamica dei veicoli che aiuta ad abbassare il cx (ovvero il coefficiente di resistenza aerodinamica), l'uso di pneumatici a bassa resistenza al rotolamento, la scelta di propulsori più parchi nei consumi e sempre meno inquinanti come quelli alimentati a gas metano o a energia elettrica ma, anche, guardando oltre fino ad idrogeno; sono tutti fattori che aiutano a rendere il trasporto sempre più "green".
Niinivirta Transport, azienda milanese con origini finlandesi, ha accolto questa sfida tecnologica di sostenibilità ambientale dotando la propria flotta prima di un mezzo a metano e oggi del primo autocarro completamente elettrico in servizio effettivo nel nostro paese. Newton, questo il nome commerciale di questo autocarro medio, costruito dalla Smith Electric di Newcastle, nel Regno Unito, è mosso da un motore 100% elettrico che eroga 120 Kw, alimentato da accumulatori di ioni di litio, con un sistema automatico di recupero di energia in frenata, ha una autonomia di circa 200 chilometri (calcolata sul 50% del carico massimo, ma trasportando principalmente capi appesi, quindi merce leggera, la percentuale non desta preoccupazione) e arriva a una velocità massima di 85 km/h (autolimitata).
Furgonato in alluminio leggero, sponda idraulica posteriore per agevolare le operazioni di carico/scarico, con quasi 9 metri di lunghezza e una portata utile di 5 tonnellate, Newton si presta a soddisfare in un'unica consegna una domanda di servizio del comparto "moda" che avrebbe richiesto tre-quattro furgoncini elettrici, generando così risparmi di viaggi, tempo e batterie (che hanno una garanzia di 5 anni, per 2000 cicli di ricarica).
Importante il contributo degli pneumatici Continental 225/75R17.5 (129/127M) LSR 1+ a bassa resistenza al rotolamento, dotati di sistema ContiPressureCheck™ per il monitoraggio della pressione di gonfiaggio e la temperatura di esercizio. La strumentazione di bordo è arricchita del tachigrafo digitale VDO DTCO 2.1 Active con GeoLoc e VDO Counter VDO DLD Wide Range GPRS per lo scarico dei tati del tachigrafo da remoto.
Per Niinivirta Transport il Newton rappresenta un bel "biglietto da visita" utilizzato principalmente nelle consegne nei centri storici off-limits durante le ore del giorno per i mezzi tradizionali, con raggio di azione nelle province di Milano, Lodi, Crema e Cremona.
Per ora unico in Italia, il mezzo che ha richiesto un esborso da parte di Niinivirta di 160.000 euro, potrebbe essere seguito da un secondo e, magari, da altri.
E mentre il comparto “moda” del centro di Milano dimostra un interesse concreto alla possibilità di essere rifornito in orari più commerciali proprio grazie a questo autocarro elettrico (in primis il gruppo H&M) è alle istituzioni che Paolo Ferraresi, presidente di Niinivirta-Transport fa una richiesta: «di poter avere installate colonnine per effettuare la ricarica di questa tipologia di mezzi», che oggi può essere effettuata solo in azienda, con un tempo di ricarica da 0 a 100% in circa 8 ore, a 63 Ampére.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home