LOGISTICA

Piattaforma di Trieste: la cordata esclusa chiede all'Autorità portuale 40 milioni di risarcimento

23 giugno 2014

Soffia una fastidiosa Bora sulla piattaforma logistica di Trieste. La cordata che nello scorso dicembre aveva ottenuto - come sola partecipante - un'assegnazione dei lavori poi rimessa in discussione a maggio 2014 per affidarli a una cordata formata da Icop, Parisi, Interporto di Bologna e Cosmo Ambiente, non ci sta a mettersi da parte e pretende o di realizzare l'opera o di essere risarcita dall'Autorità portuale con 40 milioni di euro.
La cordata in questione è quella composta da Mantovani, Samer e Venice green terminal che ha presentato al Tar una richiesta di sospensiva su cui si giudicherà il prossimo 9 o 10 luglio.
A motivare il ricorso è la modalità con cui è stata giudicata dall'Autorità la posizione di alcuni dirigenti della cordata esclusa, sottoposti ad alcuni procedimenti penali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home