LEGGI E POLITICA

L'IRU alla Commissione UE: «Le sanzioni per frenare il cabotaggio sono eccessive e antieuropee»

19 luglio 2014

Si sta esagerando! È questo in sintesi il giudizio che l’Iru (Unione Internazionale Autotrasporto) dà delle tante legislazioni che in queste ultime settimane sono state approvate in diversi paesi europei, primo tra tutti la Francia, che ha posto il divieto di percorrere in cabina il riposo settimanale di 45 ore e punisce chi non lo rispetta con una sanzione di 30.000 euro.  Un giudizio contenuto in una comunicazione inviata alla Commissione europea, per sollecitare un'intervento dell'istituzione comunitaria.

Un’esagerazione dimostrata pure dal fatto che diventano sempre più frequenti i casi di sanzioni comminate contro autisti stranieri molto più gravi rispetto a quelle comunemente usate contro gli autisti nazionali. 

Un’esagerazione che, per prendere di mira il cabotaggio, utilizza strumenti abnormi, visto che la legislazione europea rispetto proprio alla materia del riposo settimanale non è così netta e ogni interpretazione punitiva non trova alcuna giustificazione.
Ma soprattutto un’esagerazione se si entra nel merito di queste misure, giudicate dall’Iru protezionistiche e in quanto tale contrarie allo spirito e agli scopi dell’Unione Europea. E proprio per questo si esorta la Commissione a intervenire.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home