LEGGI E POLITICA

Scadenza CQC: chiarite (in parte) le nuove scadenze volute dalla UE

30 luglio 2014

Quando scade una CQC? Domanda semplice fino a qualche settimana fa, ma poi complicata con il rilievo mosso dall’Unione europea che contestava all’Italia il fatto di aver previsto dei rinnovi con tempi che vanno oltre i 5 anni. E tale previsione, contenuta nell’art. 2 del decreto dirigenziale del 6 agosto 2013, sarebbe in contrasto con la direttiva 2003/59/CE. Per la precisione le CQC in scadenza il 9 settembre 2014 era stata prolungata al 2016. Ma per garantire parità di disciplina per situazioni giuridiche uguali, questa data di scadenza era stata prorogata in favore di tutti i conducenti titolari di CQC ottenuta per documentazione che avessero già frequentato corsi di formazione periodica. In pratica la frequentazione di tali corsi faeva slittare la validità della carta di qualificazione del conducente sino al 9 settembre 2021 (2020 per l'abilitazione persone), quando invece per stare dentro i 5 anni non poteva durare oltre il settembre 2019.
La questione è stata risolta con decreto ministeriale del 10 giugno 2014, apparso sulla Gazzetta Ufficiale del 25 luglio scorso, in cui di fatto si cancella (abrongandolo) l’art. 2 «incriminato» e di conseguenza la scadenza della CQC torna a essere il 9 settembre 2018 e il 9 settembre 2019 per tutti i conducenti che hanno frequentato i corsi di formazione periodica sia prima che dopo il 6 agosto 2013. In pratica, quindi, la scadenza torna a essere di 5 anni. Ma parliamo esclusivamente di chi ha ottenuto la patente frequentando un corso di rinnovo.
Coloro che invece hanno ottenuto una CQC per documentazione e hanno come data di scadenza il 2015 per quanto riguarda l’abilitazione al trasporto persone e il 2016 per quanto riguarda quella merci, non vengono interessati dal provvedimento, anche perché in questo caso non essendo la scadenza più lunga dei 5 anni consentiti dalle normative comunitarie, non era oggetto di contestazione da parte dell’Europa.
Questa è la situazione attuale. Anche se il quadro normativo non è ancora perfettamente chiarito. Nel senso cioè che il ritorno della scadenza naturale delle CQC da 7 a 5 anni interessa documenti già in possesso di molti conducenti che recano stampata come data di scadenza il 2021 (o 2020 per l’abilitazione persone). Ma come sarà cancellata tale data, visto che adesso non è più valida? Qualcuno dal ministero prima o poi risponderà.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home