UFFICIO TRAFFICO

Parmigiano rubato ad Alessandria: trovato a bordo di un camion 5 ore dopo a 600 km di distanza

3 settembre 2014

La notte del 1° settembre sono spariti da un magazzino vicino Terzo, in provincia di Alessandria, quasi 15 tonnellate di alimenti di ogni tipo: intere forme di parmigiano, prosciutti, bresaola, scatolame vario. Insomma, tutti prodotti di qualità il cui valore era stato stimato in circa 150.000 euro.
La mattina del 2 settembre, appena 5 ore dopo, la polizia stradale di San Benedetto del Tronto (AP) stava effettuando controlli sui camion presso la pesa di Torre di Palme, sulla carreggiata sud della autostrada A14, in prossimità del casello di Porto San Giorgio (Fermo).
Nelle maglie del controllo finiva uno Scania, condotto da un autista di 59 anni, che subito appariva sospetto: messo sulla bilancia, infatti, il peso del carico andava ben oltre i limiti di legge. A quel punto gli agenti hanno aperto il semirimorchio e si sono trovati davanti ogni sorta di paradiso alimentare. Da lì all’appurare che era esattamente il carico sparito la notte prima in Piemonte è trascorso appena qualche minuto.
Così, la merce è stata posta sotto sequestro e l’autista denunciato all’autorità giudiziaria. Ovviamente, a quel punto, nessuno si sarà posto una domanda: ma come avrà fatto lo Scania sovraccaricato a percorrere i circa 600 chilometri che separano Alessandria dal sul delle Marche in meno di 5 ore?

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home