LEGGI E POLITICA

Nuovi chiarimenti ministeriali sulla CQC

4 settembre 2014

Ancora CQC. Il mistero dei Trasporti è tornato per l'ennesima volta sull'argomento per chiarire, in una circolare datata 3 settembre 2014, come vanno trascritte le date di scadenza su patente e CQC.

Per la precisione il termine della validità di 5 anni da inserire sulla patente-CQC (codice uninald 95) o sulla stessa CQC va calcolato dalla data in cui il titolare ha presentato la domanda di rinnovo alla Motorizzazione.
Se però il titolare della patente o della CQC ha fatto richiesta di duplicato e sul documento compare una scadenza superiore a 5 anni, il sistema informatico della Motorizzazione calcolerà la reale scadenza (in ogni caso mai superiore ai 5 anni dalla presentazione del duplicato) e ad annotarla automaticamente.

Se poi il titolare chiede il rinnovo della CQC prima della scadenza può comunque guidare tenendo con sé la ricevuta di presentazione della domanda, vidimata dalla Motorizzazione, in attesa di ricevere il nuovo documento. Cosa che deve avvenire entro tre mesi dalla richiesta. Il problema sorge per chi viaggia all'estero perché tale ricevuta non ha valore per le polizie straniere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home