LEGGI E POLITICA

Lo slovacco Sefcovic č il nuovo Commissario UE ai Trasporti

11 settembre 2014

Lo slovacco Maros Sefcovic è stato scelto dal presidente della Commissione Europea, Jean-Claude Junker, come commissario aiTrasporti e allo Spazio prendendo il posto dell’estone Siim Kallas. Rappresentante del Partito Socialista Europeo (PSE), Sefcovic è stato già membro della Commissione in veste di commissario per le relazioni interistituzionali e l'amministrazione.

È forse il caso di precisare sottolineare che tra le novità introdotte figura anche il perimento della Direzione Generale Mobilità e Trasporti, ribattezzata DG Trasporti e Spazio per occuparsi anche di politiche spaziali, fino a ieri riferite alla DG Imprese e Industria. Inoltre, vengono integrate la DG Ambiente (ENV) e la DG Affari marittimi e pesca (MARE) per costituire la nuova DG Ambiente, affari marittimi e pesca, il cui commissario è il maltese Karmenu Vella.

Guardando in altre stanze, c’è da segnalare la nomiva della danese Margrethe Vestager a commissario alla Concorrenza al posto di Joaquin Almunia, mentre la belga Marianne Thyssen diventa commissario per l'Occupazione, gli affari sociali, competenze e la mobilità del lavoro in sostituzione di László Andor.

«Ho assegnato i portafogli - ha chiarito il presidente Juncker - alle persone, non ai Paesi. Nella nuova Commissione non vi sono commissari di prima o seconda classe ma team leader e membri delle squadre, che lavoreranno insieme con spirito di collegialità e reciproca dipendenza. Voglio superare la mentalità a “compartimenti stagni” e introdurre un nuovo modo collaborativo di lavorare in settori in cui l’Europa può veramente cambiare le cose».

Il nuovo commissario ai Trasporti – in base alle informazioni che appaiono su Wikipedia – è nato a Bratislava il 24 luglio 1966. È sposato e ha tre figli, Prima di occuparsi dell'amministrazione della Commissione europea, era stato ambasciatore della Slovacchia in Israele. Dal 2004 al 2009 è stato il rappresentante permanente della Slovacchia presso l'Unione europea.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home