UFFICIO TRAFFICO

Ennesimo incidente sul lavoro: muore camionista 52enne travolto da una balla di fieno

16 settembre 2014

Maurizio Massese era nato 52 anni fa a Bergamo, ma da tempo si era trasferito in Toscana. Ormai da qualche decennio faceva l’autotrasportatore e di balle di fieno sul camion ne aveva caricate centinaia, forse migliaia. Ma ieri mattina, qualcosa non è andato come al solito. Stava aspettando che gli sistemassero le solite balle sul cassone presso un’azienda agricola di Fauglia, nel pisano, quando all’improvviso – con una dinamica che deve essere ancora accertata – una delle balle è rotolata giù. Così tre quintali e mezzo gli sono piombati addosso. Il cuore si è fermato, anche se il pronto intervento dell’elisoccorso ha cercato di riattivarlo. Purtroppo, però, dopo il trasferimento in ospedale e decine di tentativi di rianimarlo, è spirato.

Un altro camionista morto, un altro incidente sul lavoro. Le statistiche degli ultimi anni avevano sempre disegnato una curva al ribasso per gli incidenti sul lavoro nell’autotrasporto. Ma adesso, anche soltanto constatando i decessi quotidiani di questi giorni di crisi, se ne potrebbe dedurre che siamo di fronte a un’inversione di tendenza. Fatalità o piuttosto condizioni di lavoro sempre più difficili? Esiste cioè un qualche nesso tra le ristrettezze economiche e il calo della sicurezza? La cronaca sembrerebbe rispondere in senso affermativo. Ma all'interno delle aule dei tribunali, evidentemente, qualcuno non legge le cronache.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home