ACQUISTI

33 pallet in multitemperatura: il record del Lamberet SR2 HD Distri+

25 settembre 2014

Grazie a una porta posteriore a sollevamento e all'integrazione dell'evaporatore nel soffitto, la versione dell'SR2 dedicato alla logistica distributiva massimizza l'altezza interna e consente di caricare di più. E una soluzione analoga spunta anche per il trasporto carne

Il settore del freddo è tra quelli maggiormente attivi negli ultimi anni. E Lamberet, con la sua partecipazione al salone di Hannover, conferma tale vivacità. Ben cinque le innovazioni presentate, ma almeno su due bisogna puntare i riflettori, accumunate dall’essere pensate specificatamente per ottimizzare l’uso dell’SR2 nei singoli segmenti di mercato.
L’SR2 HD Distri+, per esempio, è l’aggiornamento del cavallo di battaglia della casa francese per migliorarne il suo utilizzo nel settore della logistica distributiva. La novità sta nella porta posteriore a sollevamento – chiamata appunto Distri+ – che scorre su binari integrati, tramite cioè un inedito meccanismo funzionante a molla e dotato di un’assistenza al 100% pneumatica autonoma. Ma soprattutto la sua funzione è quella di riuscire a massimizzare l’altezza utile in virtù di un evaporatore direttamente integrato nel soffitto. In questo modo il semirimorchio Lamberet diventa l’unico frigo a serranda in grado di caricare 33 pallet in multitemperatura. Un primato utile soprattutto per ottimizzare i singoli viaggi.
L’altra novità è pensata invece soprattutto per chi trasporta carni (o altri carichi pesanti e alti) e non a caso chiamata SR2 Superbeef+. Qui la novità sta tutta nel telaio, dotato eccezionalmente di un modulo anteriore ultrapiatto, in grado di aumentare l’altezza utile senza però incidere sull’altezza totale, né sacrificare l’isolamento e la rigidità del pianale. Questo modulo anteriore è affiancato da un modulo allargato del passo delle ruote, che integra stabilizzatori laterali complementari per incrementare la stabilità del mezzo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home