LEGGI E POLITICA

Trasporto Unito proclama fermo, la Commissione di Garanzia intima la revoca

28 settembre 2011
L’associazione dell’autotrasporto, TrasportoUnito aveva proclamato un fermo del settore dal 3 all’8 ottobre. Dalla Commissione di Garanzia per lo Sciopero, però, è arrivato un secco “niet”, accompagnato con l’intimazione a tornare indietro revocando l’iniziativa che non sarebbe stata comunicata con il dovuto preavviso. In base a quanto riferisce la Commissione, infatti, la proclamazione sarebbe avvenuta il 19 settembre, mentre la comunicazione al ministero è arrivata il 21, quando invece il termine entro cui preavvisare in caso di fermo nazionale è di 25 giorni.
Trasporto Unito non ci sta e, presa carta e penna, ha stilato un comunicato di fuoco, difendendo il fatto che la Commissione ha ricevuto e pubblicato l’annuncio di fermo “venti giorni fa”, quindi la giustificazione addotta dalla stessa Commissione poggerebbe soltanto sul mancato invio tempestivo di copia dell’annuncio al ministero dei Trasporti. Insomma, una questione meramente burocratica alla quale TrasportoUnito intende rispondere con un’azione legale, sorretta da una motivazione originale: la preventiva comunicazione alla Commissione interessa esclusivamente i servizi di pubblica utilità, ma da sempre  “all’autotrasporto questo ruolo nessuno lo riconosce mai e tanto meno lo retribuisce”, ha argomentato il segretario nazionale Maurizio Longo. Insomma, TrasportoUnito non intende fare un passo indietro e quindi, almeno a quanto dichiarato, il fermo rimane proclamato.

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home