LOGISTICA

La logistica Fercam al servizio del Mart per la mostra sulla Grande guerra

4 ottobre 2014

“La guerra che verrà non è la prima. Grande guerra 1914 – 2014” è un progetto curato dal Mart, museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto, con la collaborazione di un comitato scientifico composto da storici, curatori e docenti. 

In mostra installazioni, disegni, incisioni, fotografie, dipinti, manifesti, cartoline, corrispondenze, diari che si possono trovare esposti negli oltre tremila metri quadrati del piano superiore del Mart e si misurano con sperimentazioni artistiche com, installazioni sonore, documentari originali, video e film. Esposti anche molti reperti bellici impiegati nella Prima guerra mondiale.
Fercam ha gestito le fasi logistiche del trasferimento di oltre 200 opere che provengono da collezioni private e musei sia italiani, sia europei e americani, esposte dal 4 ottobre 2014 al 20 settembre 2015, in occasione delle celebrazioni del Centenario della Grande Guerra.
I tecnici di Fercam hanno così, nell'arco degli ultimi mesi, curato tutta la filiera logistica prevista per questa tipologia specifica di trasporti, dalle delicate fasi d’imballo con materiali speciali e casse progettate nella falegnameria interna, al trasporto su mezzi dedicati e dotati di tutti i dispositivi di sicurezza, fino alla consegna.
La mostra presenta capolavori storici provenienti dalle collezioni del Mart fra i quali opere di Giacomo Balla, Anselmo Bucci, Fortunato Depero e Gino Severini. Una lunga serie di prestigiosi prestiti nazionali e internazionali provenienti da collezioni pubbliche e private e gallerie completa il progetto. Numerose, inoltre, le opere di artisti che hanno vissuto il dramma della Grande guerra; la lista comprende, oltre ai già citati maestri dell’avanguardia italiana, Max Beckmann, Marc Chagall, Albin Egger-Lienz, Adolf Helmberger, Osvaldo Licini, Arturo Martini, Pietro Morando, Mario Sironi ed è integrata dai lavori di registi dell’epoca come Filippo Butera, Segundo de Chomón, Abel Gance. Tra gli artisti impegnati direttamente nel conflitto, un approfondimento è dedicato al fotografo cecoslovacco Josef Sudek.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home