LEGGI E POLITICA

Rimborso pedaggi: c’č la delibera dell’Albo per il 2014. Ma si attende ancora quello del 2012

6 ottobre 2014

Il Comitato Centrale dell’Albo lo scorso 2 ottobre ha approvato la delibera con cui vengono stanziati i soldi necessari a pagare gli sconti sui pedaggi autostradali per l’anno 2014. Lo stanziamento è per ora (vale a dire in base alle risorse attuali, da ridefinire poi in base a quelle esistenti quando sarà assunto in concreto l’impegno di spesa) è di 58.090.060 euro.

Per quanto riguarda invece gli anni precedenti, l’ultimo anno chiuso – o da chiudere in piccola parte – è il 2011, per il quale le imprese devono incassare un modesto saldo finale da coprire tramite un apposito stanziamento di 20 milioni di euro. Per il resto, per il 2012 i pagamenti dei 164 milioni stanziati devono ancora iniziare, mentre per il 2013 è stata approvata la delibera che fissa come termine per la presentazione telematica delle domande dal 3 novembre al 3 dicembre 2014. Lo stanziamento è di poco superiore ai 67 milioni di euro.
Ma torniamo al 2014. Anche quest’anno, come già lo scorso, saranno riconosciute in virtù del livello di inquinamento dei veicoli e all’ammontare del fatturato realizzate dalle imprese, cooperative o consorzi richiedenti. Più precisamente rispetto alla classe di inquinamento il coefficiente da applicare al fatturato è di:
1,00 per i veicoli EURO 3
2,00 per i veicoli EURO 4
2,50 per i veicoli EURO 5

Le percentuali di sconto invece cambiano in base alle seguenti fasce di fatturato:
Da 200.000 a 400.000 4,33%
Da 400.001 a 1.200.000 6,50%
Da 1.200.001 a 2.500.000 8,67%
Da 2.500.001 a 5.000.000 10,83%
Oltre 5.000.000 13%

Rimane come negli anni scorsi la maggiorazione del 10% di sconto rispetto ai fatturati di pedaggi effettuati con ingresso in autostrada dopo le 22 ed entro le 2, o uscita prima delle 6, fermo restando il limite percentuale massimo del 13%.
Molto importante, invece, è che nella delibera viene deciso che il 10% delle risorse utilizzate per gli sconti sui pedaggi, vale a dire 5.809.006,00 sia destinata a iniziative finalizzate alla protezione ambientale e alla sicurezza stradale. Come esempi di iniziative in tal senso sono indicati il farsi carico degli oneri di manutenzione dei Centri mobili di revisione; i controlli dei mezzi pesanti soprattutto nel Nord Est, le iniziative di formazione e aggiornamento professionale degli operatori del medesimo Dipartimento e delle Forze di Polizia).

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home