LOGISTICA

La logistica green del pomodoro parte dal Cepim di Parma

9 ottobre 2014

Dopo l’esperienza positiva dello scorso anno, anche la campagna 2014 ha visto il rinnovo della partnership tra l'Interporto di Parma con le principali aziende conserviere del territorio per l’organizzazione del trasporto su ferrovia del prodotto trasformato fino ai centri distributivi di Catania e Caserta.
Numeri in crescita rispetto al 2013 per la distribuzione via treno del prodotto finito diretto in Sicilia e Campania, saranno infatti 25 i treni speciali in partenza dall’Interporto di Parma per un totale di circa 15mila tonnellate di prodotto trasportato e oltre 600 Tir in meno sulla strada con un risvolto positivo sui livelli di inquinamento e di congestione del traffico.
A questa attività, che ha consolidato un servizio distributivo stagionale e specifico della filiera del pomodoro, si è affiancato un ulteriore servizio di logistica per un altro settore della stessa filiera: quello degli imballaggi. «Questa primavera – ha spiegato l’amministratore di Cepim Luigi Capitani – abbiamo stretto un accordo con una società leader nella produzione di imballaggi metallici per alimenti, che ha portato nei nostri magazzini le attività di deposito e handling dei contenitori per conserva di pomodoro per il Nord Italia, contribuendo il tal modo a razionalizzare i flussi della filiera».

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home