ACQUISTI

Carrier Transicold presenta il refrigerante che vuol bene all'ambiente

24 ottobre 2014

Il costruttore francese contribuisce a migliorare il trasporto refrigerato e i veicoli a temperatura controllata con un prototipo di unità per rimorchio con refrigerante naturale

La sfida ambientale dell’unità di refrigerazione è da sempre il funzionamento basato su refrigerante naturale. Quello che poteva sembrare futuro ha preso forma grazie a Carrier Transicold che in occasione del recente salone di Hannover ha presentato un prototipo che si contraddistingue per l’utilizzo del refrigerante naturale CO2 (R744) in un sistema a circuito chiuso e per essere alimentato dalla stessa tecnologia completamente elettrica E-Drive, collaudata nella gamma di unità Vector.
Il refrigerante CO2 ha un impatto minore sul riscaldamento globale rispetto ai refrigeranti comunemente utilizzati, è ininfiammabile, non riduce lo strato di ozono e ha un potenziale di riscaldamento globale quasi irrisorio. In questo modo potranno essere mandati in pensione refrigeranti come il gas fluorurati R-404A (un gas fluorurato con GWP di 3,920), comunemente utilizzato oggi. La recente legislazione europea in materia di gas F sta portando l’industria alla creazione di prodotti in grado di operare con refrigeranti a basso GWP.
Il prototipo è stato ricavato dal telaio di un’unità Vector e utilizza la tecnologia del sistema di refrigerazione NaturaLINE di Carrier.
Il prototipo a temperatura multipla è stato ricavato dal telaio di una normale unità Vector e utilizza la tecnologia avanzata del sistema di refrigerazione NaturaLINE™ di Carrier, creato inizialmente per container transoceanici e collaudi in mare già un paio di anni fa. Un esemplare modificato dell’unità NaturaLINE attualmente sta concludendo a Londra uno studio sul campo a temperatura singola della durata di due anni con una catena britannica di supermercati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home