UFFICIO TRAFFICO

Manomissione del tachigrafo e autisti in nero: pioggia di sanzioni nel Ragusano

3 novembre 2014

Lavoro nero e manomissione dei cronotachigrafi. Le polizie stradali di Ragusa e Vittoria hanno riscontrato decine di queste violazioni svolgendo una serie di controlli voluti dalla prefettura di Ragusa dopo che otto mesi fa alle autorità provinciali era arrivato un preciso esposto.  A essere colpite sono state in particolare 11 aziende di autotrasporto della zona, alle quali sono state contestate ben 124 irregolarità, punite complessivamente con sanzioni per 131.650 euro.  Il campionario di irregolarità raccolto è molto lungo. Si va dal caso di un’azienda con un parco veicolare di 20 mezzi che su circa la metà aveva rimosso i tachigrafi digitali presenti sui veicoli per installare – ovviamente in modo illegale –  i vecchi modelli analogici, stratagemma che, unito ad altri espedienti, consentiva all’azienda di far lavorare molto più a lungo i propri autisti e di eludere i controlli.  Raccogliendo però le dichiarazione rilasciate dagli autisti in fase di controllo e incrociandoli con quelli in possesso delle case costruttrici e della Motorizzazione, la polizia ha accertato che per in 114 casi i veicoli erano riusciti a farla franca. Così è partita una serie di multe che complessivamente ammontano a 92.000 euro, cui va aggiunta la segnalazione alla prefettura per ulteriori sanzioni da emettere a carico degli autisti.

Il ricorso ad autisti in nero invece è stato riscontrato in 10 aziende, punite nel complesso con una sanzione di 39.650 euro. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home