FINANZA E MERCATO

Agevolazioni alle pmi dell’autotrasporto in Friuli V.G.

10 novembre 2014

La crisi morde, la concorrenza straniera avanza, le difficoltà per le imprese italiane di autotrasporto diventano ogni giorno maggiori, specialmente in quei contesti maggiormente esposti alla competizione di vettori est-europei. Non a caso viene proprio dal Friuli Venezia Giulia uno dei primi accordi sottoscritti da parti sociali che tenta di fornire sostegni concreti all’impresa. Tra questi sostegni, indirizzati in particolare alle piccole e medie imprese aderenti a Confapi, c’è la possibilità di assumere a tempo indeterminato un numero maggiore di lavoratori beneficiando, rispetto alle nuove assunzioni di livello 3 Super junior e rispetto a un periodo massimo di 30 mesi, della possibilità di liquidare anticipatamente al personale (viaggiante e non) tutti i permessi (rol) e le ex festività in tre tranche in misura pari al 75% del valore nominale. 

Altra forma di sostegno viene dalla possibilità di gestire in modo più elastico l’orario di lavoro degli impiegati addetti al traffico, i quali stabiliscono un contatto diretto con gli autisti, in cambio di un compenso rispetto a ciascuno periodo di riferimento quantificato nel 7% della retribuzione conglobata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home