LOGISTICA

Gli scenari futuri della logistica si disegnano a Bologna

12 ottobre 2011
La logistica italiana incontra l’Europa in un convegno internazionale che si terrà a Bologna il 10 e l’11 novembre prossimi, su iniziativa di Freight&Logistics e Freight Leaders Council, rappresentanti rispettivamente a livello europeo e a livello italiano delle aziende che operano lungo la filiera del trasporto: dai produttori di beni ai caricatori, dai gestori di infrastrutture ai trasportatori di tutte le modalità.
Titolo del convegno: «FLC/F&L: la capacità di anticipare i cambiamenti/cogliere le evoluzioni: la Vision 2020 e la possibile crescita della competitività europea della supply chain» in cui saranno messe a confronto domanda e offerta di trasporto e logistica per disegnare gli scenari futuri della logistica europea nei prossimi dieci anni. Particolare attenzione verrà dedicata alle linee tracciate dal Libro Bianco sui Trasporti (recentemente pubblicato dalla Commissione europea) e alle possibilità di sviluppo dei corridoi marittimi adriatico e tirrenico, che maggiormente interessano l’Italia.
Alla definizione di questa Vision 2020, parteciperanno operatori e autorità di tutta Europa. Sono previsti, tra gli altri, gli interventi del ministro dei Trasporti, Altero Matteoli, di Jean-Eric Paquet, della DG Mobility and Transport della Commissione europea, di Mario Valducci, presidente della commissione Trasporti della Camera.
Tra i relatori italiani e internazionali: Interporti di Bologna, Parma e Prato, Porto di Genova, Drewry, Ewals Cargo, Rail Freight Group UK, Ceva Logistics, Port of Antwerp, Port of Koper, SBB Cargo International, Procter&Gamble, Stora Enso, Danone, Volvo Logistics Corporation, CER.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home