UFFICIO TRAFFICO

Autista con patente revocata trasporta pesce non commercializzabile su veicolo in fermo e gruppo frigo rotto

26 novembre 2014

Era alla guida di un camion malgrado gli fosse stata revocata la patente, con il veicolo sottoposto a fermo amministrativo, con l’impianto di refrigerazione del semirimorchio frigo fuori uso, anche se al suo interno c’erano quattro grandi pesci la cui pesca e commercio sono vietati. A mettere a segno questo clamoroso filotto è stato un trasportatore di 25 anni di origine egiziana, dipendente di una società di Roma, fermato dalla polizia stradale di Pratola Peligna (AQ) lungo la A25. Gli agenti fin da subito si sono resi conto che nell’estate dello scorso anno all’autista era stata revocata la patente di guida dalla polizia di Pescara. I motivi della revoca non sono stati chiariti, ma sembra presumibile che sia stata giustificata - come prevede l’art. 130 Cds - dall’ottenimento da parte del titolare della sostituzione della propria patente con altra rilasciata da uno Stato estero.

Ma come detto le infrazioni non finivano qui. Perché veniva anche appurato che il camion condotto dall’egiziano era in fermo amministrativo e che la temperatura interna al semirimorchio non era quella richiesta dalla tipologia di trasporto, in quanto il gruppo frigo non funzionava

Ma la ciliegina sulla torta è emersa dopo, quando, andando a verificare il carico trasportato, gli agenti hanno trovato quattro grandi pesci in “precario” stato di conservazione, sequestrati e inviati per controlli all’Azienda sanitaria locale di Sulmona. E qui la sorpresa (ma si potrebbe dire, infrazione) finale: i pesci in questione erano della specie dei tonni rossi, sottoposta a tutela tramite divieto di pesca e di commercio.

E lì sono scattate le sanzioni. La prima ha colpito il titolare dell’impresa per trasporto in violazione della normativa ATP relativa alla movimentazione di merci a temperatura controllata. L’autista, invece, è stato deferito per guida con patente revocata. Ma altre infrazioni sono in corso di accertamento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home