FINANZA E MERCATO

Trasporti nazionali: il drastico declino (-21%) della ferrovia

17 ottobre 2011

Periodo gramo per i trasporti? Dipende di quale trasporto si parla. Quello ferroviario, infatti, stando al rapporto congiunturale Confetra relativo al primo semestre 2011, conosce una retrocessione pesante, pari al 21% a livello nazionale. Quello stradale, invece, gode di discreta salute, visto che nello stesso mercato registra una crescita del 3%, mentre sull’internazionale va anche meglio, toccando un incremento del 4%. Ma attenzione, perché sulle tratte internazionali anche il ferro riprende quota con un rilevante +7%.

Quasi tutti segni positivi anche per i porti container. Fatta eccezione per Gioia Tauro, che perde uno 0,7% e per Napoli con un – 0,6%, tutti gli altri crescono anche in maniera consistente. Svettano Venezia e Trieste, rispettivamente con un +21% e un +18%, ma anche Taranto (+17,5%), Ravenna (+17%) e (Bari +12%) si tengono sulla doppia cifra. Più modesti ma importanti (perché basati su fatturati più elevati) gli incrementi di La Spezia (+8,7%), Ancona (+7,3%) e Genova (+6,6%).

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home