LEGGI E POLITICA

De Monte:«Il cabotaggio illegale va inserito tra le infrazioni gravi»

5 dicembre 2014

«Nella lista delle infrazioni stradali gravi, quelle che possono portare alla perdita di reputazione per il trasportatore, requisito essenziale per possedere una licenza, va inserito anche il cabotaggio illegale». Ne è fortemente convinta l’europarlamentare Isabella De Monte, tanto che insieme al gruppo dei Socialisti & Democratici sta portando avanti una battaglia in tal senso. De Monte lo ha riferito stamattina a Bologna al presidente di Federtrasporti Claudio Villa, sottolineando che, nei giorni scorsi, la commissione Trasporti del Parlamento europeo, di cui De Monte fa parte, ha respinto una proposta della Commissione relativa alle infrazioni stradali gravi, giudicata insufficiente proprio perché non conteneva il cabotaggio illegale.

«Come gruppo S&D – ribadisce De Monte - da tempo chiediamo alla Commissione di elaborare una legislazione per proteggere e far rispettare i diritti sociali dei lavoratori, e continueremo la battaglia contro il dumping sociale e il cabotaggio illegale».

Villa ha espresso totale sostegno a questa iniziativa, evidenziando la necessità che, rispetto a questo tema, l’Europa esprima una posizione comune: «La normativa sulle ore di guida è europea, il libero mercato - e quindi la possibilità di effettuare cabotaggio - è europeo, ne consegue che anche eventuali soluzioni vadano affrontate a livello europeo, essenzialmente in due modi. Per un verso è necessario che il quadro sanzionatorio sia comune, altrimenti si corre il rischio che ogni Stato membro prenda singole iniziative che finiscono per creare diversità di trattamento tra paese e paese. Ben venga, quindi, l’iniziativa dell’onorevole De Monte che va proprio in tal senso. Ma soprattutto è necessario che le istituzioni comunitarie lavorino sull’armonizzazione dei costi, unica strada possibile per evitare il dumping sociale e quella corsa al ribasso che finisce per compromettere la professionalità del trasportatore, ma anche la sicurezza stradale».

Proprio a proposito di sicurezza stradale, De Monte e Villa hanno anche ragionato sull’opportunità di individuare un meccanismo flessibile per il calcolo delle ore di guida e di riposo, finalizzato a consentire all’autista che “ha terminato le ore” non troppo distante da casa di poter raggiungere la sua abitazione e di trascorrere la notte in un letto, magari bilanciando quel «di più» trascorso alla guida la settimana successiva. «Sarebbe un modo facile – hanno concordato - per migliorare la qualità del sonno dei conducenti, di conseguenza il loro livello di concentrazione il mattino successivo e in definitiva la sicurezza sulle strade europee».

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home