UFFICIO TRAFFICO

Austria: dal 2015 obbligo di esporre bollino Euro. 2180 euro la sanzione

9 dicembre 2014

Dal 1° gennaio 2015 scatta l’obbligo per tutti i camion in transito nei Länder di Vienna e della parte orientale della Bassa Austria di esporre il contrassegno che individua la classe di inquinamento del veicolo. In queste regioni, infatti, sottoposte a un particolare programma di protezione ambientale, già dal 1° luglio 2008 è vietata la circolazione di tutti gli autocarri Euro 0, mentre dal 1° luglio 2014 il divieto si è esteso ai veicoli Euro 1. Soltanto dal 1° gennaio 2016 interesserà anche i veicoli Euro 2, ma intanto già dall’inizio del 2015 è obbligatorio esporre sulla parte destra del parabrezza del veicolo il contrassegno che identifica la classe Euro di appartenenza.

Tali contrassegni, in base alla normativa austriaca, sono facilmente riconoscibili in quanto identificati da colori diversi. Il rosso, per esempio, è riferito agli Euro 2, il giallo agli Euro3, il verde agli Euro 4, l’azzurro agli Euro5, il viola agli Euro 6). Si possono trovare presso gli uffici dei locali Automobil Club - Öamtc e Arbo - presso le officine di revisione periodica e i punti del Tüv Austria.

Attenzione perché la mancanza di esposizione dell’adesivo espone a una sanzione di 2.180 euro.

Il provvedimento riguarda il transito anche sui tratti autostradali o di superstrada inclusi nel territorio della Sanierungsgebiet, vale a dire: 

- la parte terminale della A/2 Südautobahn (che proviene dal confine italiano-Villaco-Graz), la S1 Wiener Außerring Schnellstraße (che collega la A/2 con la A/4, Vösendorf-Schwechat, in direzione della Repubblica Slovacca e dell’Ungheria);
- la A/4 Ostautobahn (in direzione Budapest e Bratislava), oltre alle A/22 ed A/23.

Sempre in Austria, per la precisione nella regione della Stiria, vige il divieto di circolazione degli autocarri a massa complessiva a pieno carico superiore a 7,5 ton di classe Euro 0/1/2 (compresi tratti delle autostrada A/2 ed A/9), mentre in Tirolo sull’autostrada A/12 vige il divieto di transito della medesima tipologia di autocarro per peso Euro 0/1/2 (autotreni ed autoarticolati) ed Euro 0/1, se veicoli isolati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home