UFFICIO TRAFFICO

Ubriachi al volante: in 24 ore fermati due trasportatori con tassi da coma etilico

9 gennaio 2015

Ancora il flagello dell’alcol protagonista negativo della giornata su strada, anche se fortunatamente senza morti o feriti. Quel camioncino-frigo che procedeva zigzagando sulla tangenziale all’altezza dello svincolo di Collegno, in direzione Venaria, aveva evidentemente qualcosa di strano. Gli agenti della polizia locale di Torino sono riusciti a fermarlo, ma non a interrogare il conducente, un rumeno di 48 anni, residente a Foglizzo (To). Questi è infatti uscito dal mezzo, ma è immediatamente svenuto davanti agli agenti. L’uomo aveva un tasso alcolemico di 4,5 grammi per litro di sangue, un valore 9 volte superiore al consentito per gli automobilisti. Gli agenti hanno chiamato un ambulanza che ha portato il guidatore all’ospedale più vicino, dove è peraltro arrivato in coma etilico. Successivamente si è poi ripreso ed è stato dimesso, ma per lui è scattata la denuncia e gli sono stati sequestrati camioncino e patente.
Non ne voleva sapere di andare nella giusta direzione di marcia nemmeno l’autotrasportatore polacco di 51 anni che nella notte, ubriaco alla guida di un Tir, stava entrando in autostrada contromano al casello di Villanova d’Asti della Torino-Piacenza, a 10 km dal capoluogo piemontese. Fortunatamente un’automobilista che aveva schivato il mezzo pesante ha chiamato i carabinieri. Dopo un breve inseguimento il camionista che tentava di fuggire è stato raggiunto e bloccato. Il tasso alcolico era di 5 volte superiore al consentito. Anche in questo caso al conducente è stata ritirata la patente, mentre il mezzo è in stato di fermo amministrativo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home