UFFICIO TRAFFICO

Motorizzazione di Treviso: 10 indagati per "facili" revisioni ADR

11 marzo 2015

L’accusa, per dirla senza tecnicismi, è di aver effettuato revisioni o rilascio delle autorizzazioni Adr, necessarie per il trasporto su strada di merci pericolose all'estero, in maniera un po’ leggera, senza cioè aver verificato che le autobotti destinate a caricare merci pericolose avessero tutti i requisiti richiesti dalla normativa. E per questo motivo è indagato un intero ufficio, per la precisione una decina di persone, tra dirigenti e impiegati, della motorizzazione civile di Treviso. I reati contestati sono abuso d’ufficio e falso in atto pubblico. Nella giornata di oggi, dopo aver proceduto agli interrogatori di garanzia per sentire la versione dei fatti degli indagati, la procura della Repubblica di Treviso valuterà se comminare eventuali sanzioni, sospendere gli indagati dall’incarico o se addirittura sottoporli a misure cautelari.

In tutto, stando alle ricostruzioni degli inquirenti, gli episodi contestati sarebbero 44. Ma, in procura parlano di un’indagine ancora gli inizi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home