FINANZA E MERCATO

Chiarimento: le domande per la Sabatini Bis si possono fare da subito e fino a esaurimento delle risorse

11 marzo 2015

L’applicazione delle agevolazioni concesse dalla Sabatini Bis anche alle imprese che operano nel settore del trasporto merci su strada, per l’acquisto di mezzi e attrezzature di trasporto, ha creato un po’ di confusione. In tanti hanno scritto alla nostra redazione per avere chiarimenti soprattutto rispetto alle tempistiche. Dal canto nostro abbiamo girato i quesiti al ministero dello Sviluppo economico e soltanto oggi abbiamo ottenuto risposta.

A questo punto possiamo dirvi con certezza che non esiste un termine iniziale per inviare la domanda. Questo termine esisteva nel momento in cui è entrata in vigore la legge (ed era il 31 marzo 2014 dalle 9.30), ma adesso che lo è già non c’è un nuovo inizio di stanziamento. Insomma, le domande possono essere inviate fino d’ora a una serie di istituti bancari che trovate qui elencati, vale a dire quelli che hanno aderito alla convenzione tra ABI, ministero e Cassa Depositi e Prestiti.

Il fatto di inviare la domanda alle banche o ad altri intermediari finanziari (comprese società di leasing) non deve stupire. La Sabatini, infatti, non concede – come molti avevano compreso – un credito di imposta, ma rende più leggero il finanziamento, in quanto tende ad annullare la componente che l’azienda dovrebbe pagare come interessi. In parole semplici, si ha il vantaggio di rateizzare l'investimento, senza essere gravati dal costo degli interessi. Ma le banche e  gli altri intermediari non regalano questi soldi. Sono la Cassa depositi e prestiti e in parte il ministero che ha costituito un plafond di risorse cui le stesse banche attingono. La legge indica che questo tipo di attività delle banche dovrebbe terminare il 31 dicembre 2016, ma di fatto è presumibile che tutto terminerà nel momento in cui il plafond si è esaurito e quindi prima della fine del prossimo anno. In pratica – e qui rispondiamo ad altre domande – non esiste un termine finale per presentare le domande, anche se ovviamente le domande arrivate quando le risorse sono esaurite diventano inutili.

Per sapere quante risorse disponibili nel plafond sono state assegnate potete controllare l’indicatore presente in questa pagina del sito del ministero dello Sviluppo economico: al momento attuale il 69% delle risorse risulta ancora disponibile. Ma in ogni caso è meglio muoversi per tempo. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home