ACQUISTI

Telematica, Kögel sviluppa un proprio sistema per i rimorchi

6 maggio 2015

Presentato al Transport Logistic di Monaco, Kögel Telematics consente l’accesso in tempo reale ai dati relativi alla localizzazione, alla refrigerazione ed all'EBS di rimorchi e semirimorchi, in un portale web autoesplicativo e di facile utilizzo

Fa il suo debutto alla Transport Logistic di Monaco Kögel Telematics, il nuovo sistema di telematica per rimorchi realizzato da Kögel. Nello stand 312, padiglione A6, un modello in scala 1:10 illustra a quali dati possono accedere in modo facile e comodo i conducenti, gli spedizionieri e i clienti con il nuovo sistema.

Se fino ad adesso Kögel Telematics era un componente di terzi che funzionava insieme al portale web di un partner, ora l’azienda tedesca si affida a un sistema completamente nuovo, appositamente messo a punto per i suoi semirimorchi. Il telematic system autoprodotto consente un accesso in tempo reale ai dati relativi alla localizzazione, alla refrigerazione e all'EBS di rimorchi e semirimorchi, in un portale web di Kögel autoesplicativo e di facile uso. Il nuovo modulo per rimorchi collega inoltre la telematica del veicolo alla diagnostica dei sistema frenante, integrando nell'analisi altri dati specifici del mezzo.

Con il portale web o con un sistema di gestione della flotta, poi, gli spedizionieri, oltre ai dati telematici PosControl standard (determinazione della posizione, andamento del percorso e dei tempi di viaggio, geofencing), possono richiamare in tempo reale anche altre informazioni. L'EBSControl fornisce i dati del sistema elettronico di frenata (EBS) sugli interventi del sistema RSS ed inoltre il chilometraggio, la velocità, il carico assiale, la pressione dei pneumatici e l'usura dei freni. Il TrailerControl indica lo stato di traino attuale, di apertura delle porte e della batteria e l'attivazione/disattivazione dell'accensione della motrice. Il TempControl contribuisce a sorvegliare e a gestire la temperatura all'interno di un veicolo furgonato refrigerato e a documentare completamente la catena del freddo, fornendo inoltre informazioni circa i cicli di esercizio e manutenzione o sorvegliando la temperatura dell'asfalto in un cassone ribaltabile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home