FINANZA E MERCATO

Porto di Venezia: superata per la prima volta il tetto dei 500.000 container

11 giugno 2015

Con un fantastico maggio (+ 37.9%), il porto di Venezia aumenta del 24% il traffico container TEU dall’inizio dell’anno, ma soprattutto sfonda per la prima volta nella sua storia la soglia dei 500.000 TEU (giugno 2014 - maggio 2015).

Attestato su 380.000 TEU nel 2008 - prima della lunga crisi mondiale ed europea - il traffico container è sceso di poco, 370.000 TEU nel 2009, per tornare ai livelli pre-crisi già alla fine dello stesso anno.

Da quella data ha mostrato un incremento costante, non toccato dall'andamento della crisi, che lo ha portato al record dei 500.000 TEU/anno attuale (+32% dal 2008). Una crescita che è stata solo amplificata dal ritorno della linea diretta con il Far East operata da “Ocean3” da Febbraio 2015.

La ragione di questa crescita è essenzialmente la vicinanza, la migliore d'Europa, a un mercato ricco sempre più proiettato sui mercati dell'oltre Suez asiaticoafricano ma anche del Mediterraneo centro orientale e del Mar Nero.

Un vantaggio competitivo che non appena si provvederà a eliminare il vincolo della accessibilità nautica con il sistema portuale offshore-onshore, consentirà il sicuro recupero di una buona parte di quell’ 1.8 milioni di TEU che il Nord est perde a favore della portualità concorrente soprattutto del Mare del Nord.

Un vantaggio competitivo che Venezia condivide con gli altri porti del Napa (North Adriatic Port Association) per i quali Venezia copre i mercati nord-adriatici occidentali, mentre Trieste, Koper e Rijeka coprono quelli nord-adriatici orientali, che confermano una crescita strutturale stabile dal 2008 al 2014 del +48% arrivando a movimentare tutti assieme oltre 1.8mln di TEU/anno e che, nel primo quadrimestre 2015, mostrano segni di crescita pari ad una variazione media del +14% (rispetto allo stesso periodo 2014).

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home