ACQUISTI

E arrivò la puntata con un FH su due ruote: ecco com'è stata realizzata la scena | VIDEO

12 giugno 2015

Nella terza puntata della serie TV di Volvo Trucks, Reality Road, compare un'acrobazia che ha per protagonista un autista italiano, che spiega come per viaggiare su due ruote è fondamentale il controllo e l'equilibrio. Come nei servizi forniti dalla casa svedese...

Come si fa a tenere un camion su due ruote? Lo sanno bene i produttori della serie TV di Volvo Trucks, «Reality Road», visto che, nel corso del terzo episodio hanno realizzato proprio una sequenza in cui si vede un trattore FH che si muove facendo poggiare soltanto due pneumatici a terra. Per prima cosa, visto che alla casa svedese piace fare le cose in estrema sicurezza, tutto è stato preparato all’interno di un circuito chiuso nei pressi di Berlino. E lì è stata sistemata una rampa che presenta esattamente le dimensioni che servono per effettuare l’operazione. Vale a dire una lunghezza di 12,5 metri, un’altezza di 140 cm e un’inclinazione di 30°. In pratica il camion la sfrutta per andare a conquistare la giusta inclinazione che, come spiega Peter Pedrero, coordinatore delle acrobazie, è esattamente di 45° «perché se sono di meno ricadrà su tutte e quattro le ruote».

Attenzione, però. Non è che si sale sulla rampa e automaticamente il camion cammina su due ruote. Poi ci vuole l’autista capace. E a questo scopo Volvo Trucks ha chiamato Walter Melis, uno dei piloti più esperti al mondo in questo tipo di acrobazia. E Melis spiega che è tutta questione di equilibrio, in senso letterale: «devo essere concentratissimo alla guida, perché in realtà bilancio il camion con il mio peso».

L’acrobazia su due ruote è anche parte del prossimo videoclip dell’artista Mapei, ma Volvo Trucks la utilizzerà anche come immagine per la campagna di promozione dei servizi offerti dalla casa. Dopo poggia il parallelismo? «Grazie ai nostri servizi di connettività - risponde Per Nilsson, PR Director Volvo Trucks - possiamo verificare lo stato di ogni camion in tempo reale, ed è proprio quello che abbiamo fatto durante l'acrobazia. Sulla base di queste affidabili informazioni sulle condizioni del veicolo, è possibile pianificare l'assistenza in modo specifico e garantire così anche una maggiore produttività». Chiaro, no?

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

VIDEO

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home