LEGGI E POLITICA

Indetta la gara per la gestione del nuovo Sistri

28 giugno 2015

Il Sistri sta per entrare in una nuova fase. Consip infatti ha indetto, per conto del Ministero dell’Ambiente, la gara a procedura ristretta – a lotto unico – per la concessione del Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti a un aggiudicatario per un valore stimato di 260 milioni di euro per i cinque anni di durata del contratto (più ulteriori 24 mesi opzionali).

La gara prevede l’affidamento in concessione di una serie di servizi operativi, tra i quali:
- la gestione informatizzata dei registri di carico e scarico (produttore e smaltitore) e delle schede di movimentazione (produttore e trasportatore) in coerenza con l’attuale flusso cartaceo
- la registrazione dei percorsi in modalità offline, con un modello in grado di evolvere in funzione dell’evoluzione normativa europea, e attraverso strumenti di mercato
- la generazione in automatico del MUD (Modello Unico di Dichiarazione)
- la gestione dei contributi attraverso il monitoraggio e la riconciliazione dei flussi finanziari relativi al versamento delle quote annuali di iscrizione dei soggetti iscritti al Sistema
- le azioni finalizzate all’ampliamento dell’adesione al servizio da parte dei soggetti facoltizzati

All’aggiudicatario viene anche richiesta la presa in carico del sistema attuale nonché lo sviluppo e gestione del nuovo sistema informatico.
La gara recepisce le indicazioni emerse dalla consultazione pubblica indetta da Consip in aprile e rivolta alle organizzazioni appartenenti alle categorie di soggetti utenti del SISTRI (produttori, trasportatori, smaltitori) e al mercato di riferimento (produttori di software gestionali e operatori del mercato IT), per raccogliere contributi in merito alla possibilità di evoluzione del sistema di tracciabilità dei rifiuti.
La gara a procedura ristretta prevede, nella prima fase, la pubblicazione di un bando di prequalifica, a cui segue, in una seconda fase, l’invio della lettera di invito ai concorrenti qualificati.
Il criterio di aggiudicazione è quello dell’Offerta economicamente più vantaggiosa, con un massimo di 60 punti tecnici e 40 punti economici.
“Sul Sistri – ha spiegato il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti – teniamo fede all’impegno preso fin dal primo giorno di questo governo. La priorità per noi è la trasparenza e la difesa della legalità attraverso uno strumento che sia fattore di economicità di gestione e semplificazione per le imprese”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home