UFFICIO TRAFFICO

Treno travolge tir: l’autista si era fermato per chiedere indicazioni

24 luglio 2015

Basta poco, una semplice distrazione di pochi attimi, perché si verifichi una tragedia. Poteva succedere ieri sulla linea ferroviaria Roma-Viterbo, dove un autoarticolato è finito travolto da un treno all'altezza di Anguillara Sabazia, ma il dramma è stato fortunatamente solo sfiorato.

Il camion era bloccato a un passaggio a livello e il convoglio si è schiantato sul rimorchio pieno di grano. Il giovane autotrasportatore alla guida, Riccardo Morelli, 24 anni di Todi, si è salvato gettandosi dalla motrice pochi secondi prima dell’impatto. Morelli, superati i binari con il suo camion, si era fermato per chiedere un’informazione ad alcuni Carabinieri in pattuglia, ma non si è accorto che il resto del mezzo era rimasto lungo la strada ferrata. Pochi istanti dopo è scattato il semaforo rosso e si è abbassata la sbarra, imprigionando il veicolo. Nel frattempo sopraggiungeva un treno partito da Viterbo e diretto a Roma. Anche se il tratto, in quel punto, è rettilineo, il macchinista non ha potuto far altro che azionare il freno d’emergenza, non riuscendo però a bloccare il treno lanciato sui binari. Morelli si è salvato, aiutato dai carabinieri, ma il rimorchio è andato in mille pezzi e il treno ha scavallato sollevando le traversine. Immediati i soccorsi a passeggeri e autista; fortunatamente non risultano morti o feriti gravi. La Roma-Viterbo resterà ora chiusa per i lavori di ripristino della linea.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home