LEGGI E POLITICA

58 milioni per gli sconti dei pedaggi nel 2014: dal 5 ottobre le domande

1 ottobre 2015

Assommano a oltre 58 milioni di euro (58.090.060) le riduzioni compensate dei pedaggi autostradali del 2014, salvo ulteriori risorse aggiuntive. Ne dà notizia il Comitato Centrale per l’Albo che ha approvato la delibera relativa. Le imprese interessate dovranno presentare la domanda di ammissione al beneficio a partire dalle ore 9.00 del 5 ottobre e fino alle ore 14.00 del 6 novembre 2015, accedendo alla sezione dedicata del sito internet del Comitato Centrale www.alboautotrasporto.it.

Questi i passaggi più importanti della delibera:

- alla misura possono accedere le imprese di autotrasporto in conto terzi ed in conto proprio che hanno effettuato dei transiti autostradali nel periodo 1 gennaio – 31 dicembre 2014, con veicoli adibiti all’autotrasporto di cose appartenenti alle classi B 3, 4 e 5, di categoria ecologica euro 3 o superiori;

- al fatturato in pedaggi realizzato con i predetti veicoli, si applicano i seguenti coefficienti moltiplicatori: 1 (per gli euro 3), 2 (per gli euro 4) e 2,5 (per gli euro 5 e superiori);

- al fatturato come sopra rideterminato, vengono applicate le seguenti percentuali di riduzione, che corrispondono a delle fasce più alte rispetto allo scorso anno: è confermata l’ulteriore percentuale per i transiti notturni, per le imprese che hanno ottenuto almeno il 10 % del fatturato in pedaggi con ingresso in autostrada dopo le 22 ed entro le 2, ovvero uscita dopo le 2 e prima delle 6. Si tratta del 10% della percentuale di riduzione spettante all’impresa, applicato sul fatturato realizzato nelle predette ore notturne.

Per quanto riguarda la compilazione della domanda, le imprese devono prestare attenzione agli elementi richiesti a pena di inammissibilità dal punto 10 della delibera (denominazione e sede dell’impresa; generalità del titolare o del rappresentante legale o di colui che la sottoscrive in formato elettronico; sottoscrizione della domanda con la procedura della firma elettronica, da inserire con l’apposito kit distribuito dai certificatori abilitati come Poste, Infocamere, ecc).

Identica attenzione va riposta: a) alla compilazione in via telematica del prospetto dei veicoli ed in particolare al numero dell’apparato Telepass o della Viacard, che deve essere composto da 20 caratteri numerici (per numeri inferiori, occorre inserire tanti zeri iniziali quanti ne servono per arrivare a 20 caratteri); b) al pagamento della marca da bollo tramite bollettino postale sul c/c 4028; c) agli elementi indicati ai punti dal 19 al 23 della delibera che, laddove mancanti o erroneamente indicati, comportano l’esclusione totale o parziale dal beneficio, a seconda del caso (ad esempio l’indicazione della targa e della categoria euro di appartenenza del veicolo con il quale è stato effettuato il transito autostradale e del numero di apparato telepass o viacard ad esso associato).

Infine, rispetto ai pagamenti degli sconti autostradali degli anni precedenti, la partita si è già chiusa rispetto all’anno 2012, in quanto tutte le imprese hanno già ricevuto le riduzioni dei pedaggi, fatta eccezione per quei casi in cui c'è contenzioso con l’amministrazione (e in ogni caso esiste comunque uno stanziamento) per i quali esiste comunque un adeguato stanziamento. Per l’anno 2013, invece, il Comitato Centrale, tramite la Società Autostrade, inizierà nelle prossime settimane un acconto iniziale, per il quale dispone di circa 50 milioni sui 134 disponibili, per andare poi a saldare tutti i pagamenti entro il primo trimestre del 2016.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home