LOGISTICA

Partenza “oversized” dal Porto di Venezia

22 ottobre 2015

É partito oggi dalle banchine del terminal Multi Service di Venezia, specializzato in breakbulk e colli eccezionali, uno dei più grandi project cargo mai partito dallo scalo lagunare.

Negli ultimi mesi sono giunti via camion a Porto Marghera da Limena (Padova) i componenti per assemblare una gigantesca gru di banchina (shiploader) utilizzata per caricare minerale di ferro alla rinfusa su grandi navi classe Panamax; una macchina con un braccio di carico alto fino a 50 metri e dal peso complessivo di 500 tonnellate, destinata al porto di Corpus Christi in Texas (USA), il sesto scalo americano per movimentazione merci situato nel Golfo del Messico.
Per la prima volta, viste le dimensioni eccezionali del manufatto, è stato necessario saldare e assemblare la gru direttamente in banchina con carrelli autopropulsi e speciali mezzi di sollevamento per trasferirlo all’imbarco.

Un successo per lo scalo veneziano che si conferma leader nella gestione dei trasporti eccezionali dove i pezzi “oversized” sono spesso prodotti a tecnologia avanzata e alto valore aggiunto di derivazione dai settori economici di rilevanza nazionale dell’impiantistica, della siderurgia e della cantieristica. Produzioni Made in Italy, particolarmente richieste sui mercati internazionali.

Il Porto di Venezia per la particolare conformazione del territorio e per il know-how dei suoi operatori, è diventato negli anni leader europeo per questo particolare settore di traffico coprendo una vasta area produttiva che coinvolge tutta l’Europa Centrale.
Mediamente in un anno a Venezia sono movimentati 900 colli eccezionali, dal peso totale di 80mila tonnellate. Il valore medio dei pezzi imbarcati a Venezia si aggira attorno ai 900 milioni di euro l’anno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home