LOGISTICA

Dal camion al treno: Codognotto attiva collegamento via ferro tra Piacenza e la Polonia

9 novembre 2015

Si può discutere sui chilometraggi precisi, però è assodato che su distanze molto lunghe il treno diventa più competitivo del camion. Il veicolo su gomma, infatti, è imbattibile sulla distribuzione e su tratte che non vanno oltre i circa 500 chilometri, senza considerare che anche quando il treno arriva in stazione per andare a ritirare la merce e portarla alla destinazione finale è comunque richiesto il suo intervento.

Questi concetti sono molto chiari al gruppo Codognotto, attivo nel mondo tramite ben 22 società e una trentina di magazzini, che nei giorni scorsi ha inaugurato una linea ferroviaria tra Italia e Polonia, più precisamente da Piacenza a Łódź, per conto delle ferrovie polacche. Due volte a settimana (lunedì e giovedì dalla Polonia, mercoledì e sabato dall'Italia) un convoglio da 1.300 ton e 550 metri con 37 unità di carico da 45”, farà la navetta tra la pianura padana e la terza città polacca, posta al centro del paese a 130 chilometri dalla capitale Varsavia, in meno di 42 ore e assicurando una tracciabilità costante degli spostamenti.

Ma entro la prima metà del 2016 la cadenza settimanale dovrebbe addirittura salire a tre treni scommettendo su una domanda crescenti di trasporti, relativi in particolare ai settori siderurgico, cartario, plastico, elettrodomestici, alimentare non refrigerato e chimico. Senza contare che è possibile anche il trasporto di merci pericolose e rifiuti in regime ADR e CER.

Il gruppo Codognotto ha chiuso il 2014 con un fatturato di 141 milioni che dovrebbero diventare 160 nel 2015. Oltre il 50% di questo fatturato viene generato all’estero.  Il suo parco veicolare conta attualmente circa 600 motrici e 1500 semirimorchi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home