ACQUISTI

Ecco tempi e modi delle soluzioni con cui Volkswagen metterà a norma i motori incriminati

27 novembre 2015

Un trasformatore di flusso inserito con meno di un'ora di intervento per il 1.6 di cilindrata. Un aggiornamento del software per il 2.0 in circa mezzora. Gli interventi inizieranno a gennaio 2016 per terminare entro l'anno

Volkswagen ha presentato le soluzioni tecniche hardware e software per agire sui motori della serie EA 189 coinvolta nel dieselgate, in modo da consentire ai veicoli che li montano di rispettare gli standard di emissione vigenti. In particolare le soluzioni si riferiscono a quelli di 1.6 e 2.0 di cilindrata, mentre per quelli 1.2 bisognerà attendere ancora qualche settimana.

Sui motori 1.6 EA 189 verrà installato un “trasformatore di flusso” direttamente davanti al misuratore della massa d’aria. Si tratta di una griglia che riduce la formazione di vortici d’aria e di conseguenza aumenta in modo significativo la precisione nella misurazione del flusso. Il misuratore della massa d’aria determina quindi in modo più preciso la quantità di aria aspirata. Su questo motore verrà inoltre eseguito un aggiornamento del software. Il tempo previsto per l’implementazione delle misure tecniche è di meno di un’ora.

Molto più semplice l’intervento sui motori 2.0 sui quali sarà effettuato un aggiornamento del software grazie a un lavoro di circa mezz’ora.

L’obiettivo delle soluzioni tecniche – spiegano dalla casa tedesca – rimane tuttora soddisfare gli standard delle emissioni in ogni caso, “senza impatto su potenza, consumi e performance”.

Ovviamente tutte le varianti dei modelli dovranno prima essere misurate, per confermare il raggiungimento di questi obiettivi in maniera definitiva. Sulla base delle misure tecniche approvate dall’Autorità Federale per i Trasporti tedesca, saranno pianificati gli interventi in officina sui mercati interessati dell'Europa a 28. L’obiettivo è di implementare l’aggiornamento tecnico necessario da gennaio 2016: sulla base delle valutazioni attuali, tutte le misure che rientrano nell’azione, per le diverse varianti, saranno attuate nel corso dell’intero 2016.

Volkswagen contatterà tutti i clienti e si adopererà per tener conto delle necessità individuali durante l’intervento in modo da evitare, per quanto possibile, difficoltà in termini di mobilità, fornendo eventualmente veicoli sostitutivi.

Dall’inizio di ottobre, tutti i clienti Volkswagen hanno la possibilità di verificare direttamente sul sito http://info.volkswagen.com/it se il loro veicolo risulta interessato dalla tematica Diesel e ottenere le informazioni del caso. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home