ACQUISTI

Le stazioni di servizio del futuro secondo Nissan

10 dicembre 2015

Batterie a lunga durata, veicoli che si autoricaricano, nuove stazioni di ricarica: la mobilità eco sostenibile si avvicina

La giapponese Nissan, che già da diverso tempo sta producendo veicoli 100% elettrici (ricordiamo la Leaf ma anche il veicolo commerciale e-NV200), ha presentato in anteprima la propria visione di Stazione di Servizio del Futuro.
Un concept che sarà presentato ufficialmente a marzo 2016 realizzato in collaborazione con Foster+Partners uno degli studi di architettura più innovativi e rinomati, autore di lavori come il Gherkin di Londra, i piani generali urbanistici sostenibili, tra cui Masdar City e gli headquarters di brand come Apple Campus in California.
Il mese scorso Nissan ha annunciato un dispositivo da 7kW che potrebbe facilmente ricaricare nel corso di una notte un pacco batterie di maggiore capacità – come quello da 60 kW e 500km di autonomia, attualmente in fase di sviluppo presso la sede del Centro Ricerca e Sviluppo di Atsugi, in Giappone. «Dal 2010 siamo in prima linea nella mobilità a zero emissioni e con questo progetto vogliamo ispirare le persone a unirsi a noi in questo importante viaggio» ha dichiarato Richard Candler, General Manager, Advanced Product Strategy.
Alla Conferenza sul Cambiamento Climatico delle Nazioni Unite, in corso in questi giorni a Parigi, Nissan ha annunciato lo sviluppo di un innovativo sistema Vehicle to Grid e l’estensione del ventaglio di utilizzo della seconda vita delle batterie, che permetterà ai veicoli di diventare delle ‘centrali mobili’ con la capacità di immagazzinare, utilizzare o restituire elettricità alla rete.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home