LEGGI E POLITICA

Nell’autotrasporto torna il contante, almeno fino a 3.000 euro

7 gennaio 2016

Da inizio anno è diventato possibile pagare servizi di autotrasporto anche con denaro contante, sempre che il corrispettivo da saldare non superi i 3.000 euro. Lo stabilisce la legge di Stabilità 2016 che ha abrogato il comma 4, art.32 bis del decreto legge 133/2014 (anche noto come “Sblocca Italia”), con cui si obbligavano tutti i soggetti della filiera trasporti a utilizzare esclusivamente strumenti di pagamento tracciabili per i corrispettivi dovuti in adempimento di un qualsiasi contratto di trasporto. Ciò significa che l’autotrasporto, da settore giudicato ad alta frequenza di evasione, viene invece equiparato a tutti gli altri settori, per i quali esiste ugualmente, a partire dal 2016, la possibilità di pagare in contanti laddove la somma in questione non superi i 3.000 euro.

Ricordiamo che nelle trattative tra ministero dei Trasporti e associazioni di categoria si era ipotizzato di contenere il tetto massimo a 500 euro invece che a 3.000. Ma questa ipotesi, poi, è tramontata. Non si sa per quale ragione...

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home