UFFICIO TRAFFICO

Una mostra per festeggiare i 40 anni di Federtrasporti

5 dicembre 2011
Il Gruppo Federtrasporti compie 40 anni. È nato infatti nel lontano 1971 per creare un interlocutore unico, in grado di trattare con la grande committenza. Da allora di passi ne ha fatti:
ha minimizzato la polverizzazione aggregando una sessantina di imprese (soprattutto consorzi e cooperative);
ha ridotto i ritorni a vuoto, creando antenne commerciali sul territorio in grado di moltiplicare le opportunità e le relazioni con la committenza;
ha prodotto economie di scala, utili da sfruttare negli acquisti collettivi e quindi per contenere i costi di esercizio;
ha intrapreso un percorso da operatore logistico, dotandosi di magazzini propri (per circa 50.000 mq) e assecondando una domanda di mercato che rischiava di tagliare fuori i piccoli trasportatori;
ha incoraggiato una cultura dell’aggregazione e del dialogo, essenziale per fare uscire gli operatori dell’autotrasporto dall’isolazionismo e per favorirne la crescita professionale;
ha investito in formazione e in sicurezza, riuscendo a ridurre l’incidentalità dei suoi veicoli (fino a 1.500 l’anno).
Come si fa a sintetizzare tutto questo operato in un album, in un archivio di immagini? Stringendo il campo sulle persone, sui singoli uomini e le singole donne che hanno investito passione e dedizione affinché tutto il progetto Federtrasporti potesse prendere quota. Nasce così la mostra «Mezzi con un fine», un percorso costruito attingendo agli archivi della rivista Uomini e Trasporti e reso armonico dal trattamento del fotografo Alfonso Santolero, che è riuscito a utilizzare le dominanze cromatiche per correre sopra al tempo e per annullare gli spazi di contesto, per far emergere gli sguardi delle persone, i loro gesti, la loro fierezza. Sentimenti rimasti immutati, oggi come 40 anni fa.
La mostra è stata inaugurata presso Zanhotel & Meeting del Centergross di Bologna il 2 e 3 dicembre, ma in primavera troverà spazio anche sul web in altre sedi del Gruppo Federtrasporti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home