UFFICIO TRAFFICO

Litiga con la moglie e per ammazzarsi fa un frontale contro un camion

8 gennaio 2016

L’autista del camion non sarà stato molto contento quando si è visto arrivare addosso un furgone a tutta velocità. Ma in quel modo, per lo meno, è giunta al termine un’ora di tutta follia di un uomo di 41 anni residente in provincia di Ancona, che nell’incidente con il camion - come desiderava - ha anche trovato la morte. 

Ma vediamo nell’ordine come sono andati i fatti. Tutto è iniziato ieri pomeriggio quando l’uomo in questione sta viaggiando in compagnia della moglie nei pressi di Genga, lungo la statale che da Ancona porta a Roma. A un certo punto, in un'area di sosta, i due si accalorano in una discussione e iniziano a litigare. La cosa degenera al punto che lui, esasperato, fa scendere lei dalla vettura che stava guidando e poi, ripartendo, la avverte: “vado ad ammazzarmi”. Così parte sgommando, si lancia contro un paio di veicoli in transito che riescono a evitarlo, ma ne tampona un terzo. A quel punto un povero ragazzo, a bordo di un furgone, si ferma per verificare se c’è bisogno di aiuto. Ma l’uomo, ormai in preda a un raptus, gli sferra un paio di pugni, lo fa cadere a terra e sale a bordo del furgone con cui riprende la sua folle corsa. Sempre più folle, verrebbe da dire. Perché prima cerca di investire il conducente dell’auto che aveva appena tamponato (procurandogli lesioni gravi) e quindi, non riuscendo a “mettere in scena” un incidente sufficientemente grave con le vetture in viaggio lungo la sua carreggiata, l’uomo supera la doppia linea continua e prosegue la marcia nella corsia opposta. E lì, proprio in quel momento arriva un camion, l’unico in grado di dare soddisfazione alla follia omicida dell’uomo. L’impatto, frontale, è violento. Il furgone si incastra a tal punto nel frontale del mezzo pesante che per tirarlo fuori serviranno ai vigili del fuoco diverse ore, nel corso delle quali ovviamente la strada è rimasta bloccata. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home