ACQUISTI

Torna il premio Sabo Rosa, dedicato alle Signore del trasporto

15 gennaio 2016

Settima edizione per il premio che il Gruppo bolognese Roberto Nuti dedica ogni anno all'universo femminile impegnato nel trasporto e nella logistica

Si chiamano Elena, Daniela, Gisella, Agata, Marianna, Rosa. Che cosa hanno in comune queste donne? Certamente una passione, un lavoro, ma anche un premio. Sì, perché queste signore sono le vincitrici delle passate edizioni del Sabo Rosa, il premio che il Gruppo Roberto Nuti, azienda fondata nel 1962 e attiva nel settore dei ricambi per veicoli commerciali, consegna ogni anno a una donna che si è particolarmente distinta in un mondo tradizionalmente maschile, come quello dell’autotrasporto.

C'è tempo fino alle ore 12.30 di mercoledì 17 febbraio per inviare la propria candidatura, o per suggerirne una, per il Sabo Rosa 2016, un esemplare unico dell'ammortizzatore Sabo colorato appunto di rosa, che come consuetudine, verrà consegnato alla vincitrice in occasione della Festa della Donna nella sede bolognese del Gruppo.

Possono partecipare alla curiosa selezione donne che per mestiere fanno autiste di camion, autobus e pullman, autoscale, dirigenti di aziende di trasporto, dipendenti o lavoratrici autonome in ogni settore della filiera: dalla produzione, alla ricambistica, alla logistica.
Per esprimere la candidatura è stato istituito un apposito form accessibile dalla home page del sito sabo.it.

Sarà poi una giuria, composta da giornaliste e dipendenti del Gruppo e presieduta da Elisabetta Nuti, direttore finanziario, che valuterà le candidature sulla base delle motivazioni indicate nel form; ma quest’anno sarà anche possibile votare le candidate online dal 18 al 29 febbraio prossimo.

La scorsa edizione il premio è andato a Rosa De Gregorio, autista, imprenditrice e figura di riferimento nei social network dei professionisti della strada, che incarna la passione che le donne camioniste portano al duro mestiere del trasportatore merci

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home