UFFICIO TRAFFICO

Scongiurato lo sciopero a Gioia Tauro, rimane quello nazionale degli autisti

12 dicembre 2011
Lo sciopero dei trasportatori previsto per questa mattina sul porto di Gioia Tauro non ci sarà. A scongiurarlo è stato l’accordo tra vettori e spedizionieri raggiunto nei giorni scorsi e che ha visto i secondi accettare la soglia dei costi minimi richiesta dai primi. In particolare è stata l'associazione degli autotrasportatori Astra a sottoscrivere un’intesa con gli spedizionieri del porto calabrese in base al quale, per i veicoli di massa superiore a 26 tonnellate, gli autotrasportatori di container applicheranno fino al 31 dicembre 2011 i costi minimi previsti dall'Osservatorio e contenuti nel decreto dirigenziale del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 22 novembre 2011.
Dal 1° gennaio 2012 continueranno a essere applicate le tabelle dell'Osservatorio guardando per un verso agli esiti dell’accordo volontario (in parte compromesso, però dalla pronuncia dell’Antitrust), per un altro a possibili incrementi dei traffici nel porto, da studiare attraverso incontri periodici.
Resta confermato invece il coinvolgimento (seppure parziale) del settore Trasporti allo sciopero generale di tre ore proclamato dai sindacati. L’adesione di Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti comporta infatti il coinvolgimento del personale di porti, autostrade, autonoleggio, trasporto merci e logistica, autoscuole, trasporto funebre e impianti a fune. Rimane escluso il personale del trasporto aereo e di quello pubblico locale, ferroviario e marittimo, così come le attività di soccorso stradale e dell’Anas.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home