UFFICIO TRAFFICO

Il Cipe rilancia un pacchetto di opere: manca il collegamento con Gottardo

12 dicembre 2011
Piccoli passi. Sono quelli che sta tentano di fare anche sul fronte delle infrastrutture il nuovo governo. E così, in tutta fretta, ha cercato di sciogliere e rendere al più presto operative alcune opere in programma. Il segno tangibile di questa attività è arrivata con la riunione del Cipe del 6 dicembre, in cui sono stati sbloccati i finanziamenti per alcune importanti opere. In particolare c’è 1,1 miliardi di euro per il secondo lotto del Terzo Valico, con il via definitivo per i lavori; ci sono 919,2 milioni per la linea alta velocità fra Treviglio e Brescia; ci sono 123,3 milioni di euro per piccole e medie opere da realizzare al Sud; ci sono 65 milioni di euro per la tangenziale ovest Magenta-Vigevano e 87 milioni per la costruzione del secondo lotto della statale di Morbegno in Valtellina. Purtroppo però mancano il collegamento ferroviario che da Chiasso porta verso Monza, tratta decisiva per la connessione con il Gottardo. La cosa ha subito suscitato la protesta dell’assessore regionale Raffaele Cattaneo, che dopo un confronto con il ministro delle Infrastrutture Corrado Passera ha chiarito che l’opera in questione sarà inserita tra le priorità del 2012.Ricordiamo che il collegamento Chiasso-Milano prevede il raddoppio dei due binari esistenti (da portare quindi a quattro) per un totale di 27 km dalla galleria Monte Olimpino a Sud di Como fino a Monza, dove esiste già il quadruplo binario. La nuova linea è destinata a ricevere le merci in arrivo su ferro dal sistema Alptransit-Gottardo, su cui la Confederazione Elvetica intende concentrare la maggior parte del traffico cargo e per minimizzare il transito dei camion in territorio svizzero. Stando alle previsioni ci vorrebbero almeno sei anni per realizzarla. Ma dal 2016 gli svizzeri intendono già entrare in funzione con l’Alptransit.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home