UFFICIO TRAFFICO

"Sono stato rapinato", ma era solo messainscena: un anno di reclusione ad autista rumeno

7 febbraio 2016

Era il 27 settembre 2010. Un camion nei pressi di Palmanova, in Friuli, viene fermato da una banda di rapinatori armati di pistola. L’autista viene costretto a guidare fino a un supermercato, nei pressi di Suzzara (Mantova) e lì liberato. Questa è almeno la versione dei fatti raccontata da Vasile Vlad, un autista di 48 anni di nazionalità rumena, ma alle dipendenze di una ditta austriaca. E tutto sembra credibile, al punto che la locale Caritas gli presta soccorso e riesce a mettere insieme i soldi che servono per consentirgli il rientro a casa.

Oggi dopo più di cinque anni di inchiesta e un regolare processo si è appurato che l’autista aveva mentito. Aveva creato una messa in scena allo scopo di impossessarsi e poi rivendere il carico di pneumatici che trasportava, unitamente allo stesso veicolo. Peraltro se l’è cavata anche bene, in quanto la condanna parla di un anno di reclusione per simulazione di reato. C’era in ballo anche l’appropriazione indebita, che gli avrebbe comportato una condanna maggiore, ma l’azienda austriaca non ha presentato regolare querela al riguardo. Anche se è assai poco probabile che abbia ripreso l'autista a lavorare…

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home