ACQUISTI

Michelin, nel 2015 vendite pneumatici truck a 6.230 miliardi

18 febbraio 2016

Ricavati vendita coperture autocarri in positivo (+2,5%). L’equipaggiamento originale per pesanti è cresciuto in Europa e Africa e calato in Asia e Sud America. Nel settore ricambi bene Europa e Nord America, male gli asiatici e i sudamericani

Anno positivo il 2015 per Michelin nel segmento dei truck. Le vendite degli pneumatici per pesanti a livello mondiale sono passate da 6.082 a 6.229 miliardi (+2,5% circa). L’equipaggiamento “originale pneumatici veicoli leggeri” è cresciuto in tutti i mercati, tranne in America Latina, con i migliori risultati per l’Europa (esclusa Russia/Paesi CSI) al 7% e l’Africa e il Middle East all’8%. Il settore “equipaggiamento originale truck” è aumentato sensibilmente in Europa e Africa, ma è calato in Asia e Sud America. Il “ricambio truck”, infine, è diminuito negli stessi Paesi, andando bene invece in Europa e Nord America.

In generale le vendite nette sono cresciute dell’8,4%, passando da 19.553 miliardi a 21.199 miliardi; diverse le cause, tra cui l’aumento del 3,2% dei volumi di vendita e il consolidamento di Sascar, leader brasiliano della gestione digitale delle flotte, che ha avuto un’influenza favorevole per 256 milioni di euro e un impatto positivo dei cambi valuta pari a 1.453 miliardi di euro. Il risultato operativo prima delle imposte non ricorrenti è stato pari a 2.577 miliardi di euro (12% delle vendite nette), rispetto ai 2.170 miliardi del 2014. L’utile netto è stato di 1.163 miliardi, in aumento di quasi il 13% rispetto ai 1.031 miliardi del 2014.
Quali sono le aspettative per il 2016? L’azienda francese scommette su un’ulteriore crescita nei mercati maturi e su un comportamento in linea dei nuovi mercati. La domanda di pneumatici speciali, in netto calo nell’anno passato, sarà ancora colpita dal crollo del settore minerario. Per il 2016-2020 il gruppo ha fissato anche obiettivi ambiziosi in termini di margine operativo ante oneri non ricorrenti, compreso tra l’11 e il 15% per gli autocarri leggeri e tra il 9 e il 13% per i truck.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home