UFFICIO TRAFFICO

Cercano di scaricare abusivamente cartelle dentali di vip e altri rifiuti: fermati

18 febbraio 2016

Scena inusuale quella a cui si è trovata di fronte la Polizia locale di Opera (Milano), quando ha fermato un camion che percorreva una strada di campagna che collega Mirasole a Fizzonasco, al confine con Pieve Emanuele, via nota per gli scarichi abusivi di materiale. Dentro l’autocarro c’erano 1500 cartelle cliniche odontoiatriche di pazienti di un rinomato studio dentistico milanese, con tanto di calchi dentali e protesi allegate, oltre a rifiuti di ogni genere: da vecchi computer a sedie, sgabelli, sanitari e anche la rete di un letto matrimoniale. 

Ma c’è di più. Le cartelle appartenevano a politici milanesi di primo piano, soubrette, attori e personaggi del mondo dello spettacolo e stavano probabilmente per essere scaricate in una discarica abusiva. Sul mezzo tre romeni, una giovane donna e due 30enni pregiudicati per reati contro il patrimonio e resistenza a pubblico ufficiale. Il camion apparteneva a una ditta di traslochi presso cui lavorava uno dei tre fermati e aveva effettuato lo sgombero di un immobile dove, secondo i trasportatori, risiedeva l’importante studio medico che aveva commissionato loro il lavoro.

Ovviamente è tutto da dimostrare che effettivamente i titolari dello studio dentistico avessero autorizzato a smaltire illegalmente e a poco prezzo le vecchie cartelle con i materiali sanitari.
I trasportatori abusivi non avevano peraltro alcuna autorizzazione allo svolgimento delle attività di trasporto dei rifiuti e per loro si prospettano quindi le sanzioni penali previste dalla normativa in tema di reati ambientali. Si sta indagando inoltre per accertare anche la violazione delle norme in materia di privacy per il ritrovamento delle cartelle cliniche, che contenevano dettagli privatissimi sulla salute dei pazienti e su chi aveva indirizzato il cliente allo studio dentistico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home