LEGGI E POLITICA

La CNA-Fita non aderisce al fermo

15 dicembre 2011
Il fermo c'è, avevamo scritto ieri. Ma al fermo - aggiungiamo oggi - non aderirà la CNA-FIta. L'associazione presieduta da Cinzia Franchini prende le distanze dalla proclamazione di fermo, ritenendola "arbitraria" e "presa senza preventiva discussione". Un comportamento giudicato "grave e irresponsabile" anche perché, spiega la Fita, "è stato deciso di fare a meno di noi, procedendo a maggioranza e mettendo a grave rischio l’unità della rappresentanza della categoria".
Tutto ciò sancisce l'uscita da Unatras? Il comunicato della Fita non risponde, ma chiarisce comunque che ulteriori determinazioni in merito saranno prese dopo aver convocato gli organismi nazionali e territoriali
Ricordiamo che la CNA-Fita sta portando avanti un dialogo con le confederazioni rappresentative della committenza (Confindustria e Confetra) per sondare e predisporre una piattaforma condivisa. Un'iniziativa giudicata molto positivamente anche da Anita: “Solo attraverso un dialogo responsabile fondato su basi condivise e paritarie - ha commentato il presidente Eleuterio Arcese - le imprese di autotrasporto potranno recuperare competitività, anche grazie a un rinnovato confronto con la committenza”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Uomini e Trasporti

 

Salva articolo in Pdf

 

 

Torna alla Home